4. La Legge dell’Effetto Pigmalione

legge dell'effetto Pigmalione

da “Le 7 leggi del buon Genitore in Evoluzione”

“Ciò che pensi di tuo figlio tende a realizzarsi”

Cosa pensi di tuo figlio/figlia?🤔🙄

Che è un disordinato, un pigro, una testona, un introverso, un fannullone, una fifona, 

un incosciente, un maldestro, una bugiarda, un egoista …?

Non fa mai attenzione…, E’ sempre in ritardo …, Come al solito …, è incapace di…, è un orso… , è tutto suo padre, sua nonna … non è tagliato per…, é bugiardo come …, una insicura …😣😖😠

Si va bé, ma non glielo dico! Solo qualche volta. Ma è la verità!

Attenzione cari amici genitori! Ciò che pensate e dite a vostro figlio o di vostro figlio diventa una profezia che si autorealizza.😳😲😨

E’ provato ormai da tanti studi di psicologia e sociologia, ma anche, se ci pensiamo bene, dalle nostre esperienze personali, che non solo ciò che si dice ad un bambino si imprime nella sua mente per sempre, ma anche che ciò che pensiamo di lui avrà effetti profondi e concreti sullo sviluppo della sua personalità. 😯

E’ del lontano 1966 un illuminante esperimento del biologo Robert Rosenthal sull’effetto delle aspettative degli insegnanti sugli alunni condotto in California. Ad alcune insegnanti fu detto che un paio di allievi della classe erano risultati con straordinari potenziali cognitivi, ma che non doveva essere esplicitato ai bambini, che dovevano essere trattati esattamente come gli altri. In realtà quei bambini non erano stati sottoposti ad alcun test ed erano esattamente come gli altri, malgrado ciò però ebbero risultati scolastici notevolmente al di sopra della media della classe. Questo significa che il solo pensare a loro in termini particolarmente positivi li aveva profondamente condizionati.

L’effetto osservato prese il nome di “effetto Pigmalione”, dal mito greco dello scultore che scolpì l’immagine di donna che rappresentava il suo ideale di bellezza e femminilità, e se ne innamorò. La dea Venere, commossa dal suo amore, esaudì il suo desiderio e diede vita alla statua.

L’effetto Pigmalione non avviene solo tra maestre ed allievi, ma anche tra genitori e figli, e non solo con le aspettative positive, ma anche e soprattutto con quelle negative. Senza renderci conto infatti tendiamo a dare per scontato le cose positive e puntiamo sempre il dito su quelle negative, dando loro più spazio e importanza.

Anche senza parole, l’immagine che abbiamo dei nostri figli arriva a loro, in modo molto sottile. Comunichiamo ciò che pensiamo attraverso la comunicazione para-verbale e non verbale, sguardi, espressioni del volto, tono e volume della voce, linguaggio corporeo …👁👀

I bambini interiorizzano i nostri giudizi e si comporteranno di conseguenza. Tenderanno a diventare nel tempo proprio come li avevamo immaginati. Insomma noi genitori diventeremo proprio come degli scultori e daremo loro una forma.👩‍🎨👨‍🎨

Aiuto! Cosa fare?

Cercate di non dare etichette, soprattutto negative, di tener conto che i bambini sono in continua evoluzione e certi giudizi possono impedire loro il cambiamento.❌🚫

Cercate di vedere i vostri figli con occhi diversi, di vedere sempre in loro il potenziale migliore, anche quando non sono ancora in grado di manifestarlo pienamente.😉😊😇

Quindi coltivate in voi un’immagine positiva di vostro figlio, credete in lui più di quanto lui non creda in se stesso, sempre!

Che dici, è possibile?

Mi farà piacere leggere le vostre riflessioni.

Vi auguro ogni bene.